Marchi collettivi e di certificazione, pubblicati i requisiti per l’agevolazione diretta alla promozione all’estero

A poterne beneficiare saranno le associazioni rappresentative delle categorie produttive che, dopo la data di pubblicazione di questo Decreto, abbiano depositato una domanda di registrazione di marchio collettivo o di certificazione oppure una domanda di conversione del marchio collettivo precedentemente registrato.

Secondo quanto disposto, sono finanziabili iniziative quali:

  • partecipazione a fiere e saloni internazionali;
  • eventi collaterali alle manifestazioni fieristiche internazionali;    
  • incontri bilaterali con associazioni estere;    
  • seminari in Italia con operatori esteri e all'estero;    
  • azioni di comunicazione sul mercato estero, anche attraverso GDO e canali on-line.  

L’agevolazione, per ciascun soggetto, è pari al 70% delle spese sostenute e non può superare in ogni caso euro 70 mila euro per anno.

Con una successiva circolare applicativa del Direttore dell’UIBM saranno definite le modalità per la presentazione delle domande.