Voucher 3i - Dal 15 giugno le domande on line. 1.309 quelle presentate da 484 start up innovative

 

Dal 15 giugno 2020 si è aperto lo sportello per la presentazione delle domande on line per ottenere il “Voucher 3i - Investire in Innovazione”, il contributo per acquisire i servizi di consulenza necessari ad avviare e supportare il processo di brevettazione delle proprie innovazioni tecnologiche.

Al 30 giugno scorso, sono 1.309 le domande, presentate da 484 start up innovative (destinatarie esclusive della misura agevolativa) di cui 305 solo il primo giorno. 

Le Imprese sono accompagnate da 165 diversi consulenti così ripartiti:

  • 121 (73,3%) appartenenti agli Ordini dei consulenti in proprietà industriale
  • 44 (26,7%) appartenenti al Consiglio Nazionale Forense.

I dati forniti dal soggetto gestore Invitalia S.p.a confermano l'interesse delle start up per questa nuova misura agevolativa che mira a soddisfare la concreta esigenza di queste particolari imprese di avere un supporto per la tutela, in Italia e all'estero, delle proprie idee innovative.

Per ricevere accesso al contributo, la domanda deve essere trasmessa, tramite procedura informatica, a Invitalia S.p.a., accedendo alla pagina del sito web dedicata (clicca qui) e dove sono disponibili tutte le informazioni utili sull’intervento.

 Potranno essere presentate domande fino all’eventuale esaurimento delle risorse disponibili, pari a un totale di 19,5 milioni di euro per il triennio 2019-2021.

 Per avere diritto all’agevolazione, i servizi di consulenza devono essere forniti da consulenti in proprietà industriale o avvocati, iscritti in appositi elenchi predisposti rispettivamente dall’Ordine dei consulenti in proprietà industriale e dal Consiglio nazionale forense.

 Con il Voucher 3i sono acquisibili esclusivamente tre tipologie di servizi:

  • la realizzazione di ricerche di anteriorità preventive e la verifica della brevettabilità dell'invenzione;
  • la stesura della domanda di brevetto e il suo deposito presso l'Ufficio italiano brevetti e marchi;
  • il deposito all'estero di una domanda nazionale di brevetto.

 

Per approfondire, consulta l'allegato sullo Stato di Avanzamento del bando Voucher 3i (aggiornato al 30 giugno 2020)



 


Ufficio competente