Brevetti+2

BREVETTI +2 è l’incentivo per valorizzare economicamente i brevetti più attuali e i progetti più qualificati e include anche i brevetti che derivano dai risultati della ricerca pubblica e privata.

Le agevolazioni sono destinate alle imprese, anche appena costituite, con sede legale e operativa in Italia, che possiedono almeno uno dei seguenti requisiti:

  • sono titolari o licenziatari di un brevetto rilasciato successivamente al  1° gennaio 2013
  • hanno depositato una domanda di brevetto successivamente al 1° gennaio 2013
  • sono in possesso di una opzione d’uso o di un accordo preliminare di acquisto o di acquisizione in licenza di un brevetto rilasciato successivamente al 1° gennaio 2013
  • sono spin-off accademici costituiti da meno di 12 mesi e titolari di un brevetto concesso successivamente al 1° gennaio 2012

Le agevolazioni prevedono un contributo a fondo perduto fino a un massimo di 140.000 euro che non può superare l’80% dei costi ammissibili.   Per gli spin-off accademici le agevolazioni possono arrivare al 100% dei costi ammissibili.

Beneficiarie di tutte le misure sono le micro, piccole e medie imprese, anche di nuova costituzione, aventi sede legale ed operativa in Italia. Non ci sono limitazioni né di tipo geografico né relativamente al settore di appartenenza. Le agevolazioni sono concesse in conto capitale nell’ambito del regime de minimis . Tale agevolazione non è cumulabile con altre agevolazioni concesse al soggetto beneficiario, anche a titolo di de minimis, laddove riferite alle stesse spese e/o agli stessi costi ammissibili.

Requisito comune è che  siano titolari di una domanda di brevetto  per la quale sussiste:

- in caso di deposito nazionale, il rapporto di ricerca con esito “non negativo”;

- in caso di deposito per brevetto europeo, la richiesta di esame sostanziale all’European Patent Office;

- in caso di deposito di domanda internazionale di brevetto presso la WIPO (World Intellectual Property Organization) il pagamento della tassa di esame preliminare internazionale o il verbale di deposito necessario alla nazionalizzazione dei brevetti.

Comuni alla misura Incentivi di Brevetti + e alla misura Brevetti +2 sono  lo scopo, che è quello di favorire lo sfruttamento economico-commerciale del brevetto e la tipologia di servizi che possono essere agevolati : si tratta di servizi specialistici che si possono ricondurre a 3 macro-categorie,  Industrializzazione e ingegnerizzazione, Organizzazione e sviluppo, Trasferimento tecnologico , che al loro interno spaziano dallo studio di fattibilità ai servizi di studio e analisi dei mercati, dai servizi per la progettazione organizzativa al proof of concept.